Progetto Coordinamento Contatti Esteri

La dimensione europea nel nostro istituto non è un progetto particolare rivolto ad un indirizzo specifico, ma si connota come un approccio al sapere che trasversalmente permea tutti gli indirizzi a vari livelli. Essa si concretizza nei vari percorsi di studio  superamento la visione nazionale della conoscenza, con l’apertura a quella internazionale ed europea in particolare.

A questo si aggiunge la dimensione progettuale della scuola che realizza:

  • gli scambi culturali (vedi allegato);
  • l’Erasmus Plus*;
  • l’Alternanza Scuola Lavoro all’estero;
  • i soggiorni linguistici gestiti dai singoli docenti:

Prof.ssa Marina Berti

Prof.ssa Nicoletta Marcon

  • l’attività teatrale e ‘workshops’ in lingua straniera;
  • i moduli interdisciplinari in lingua straniera con la presenza di docenti di madrelingua;
  • l’accoglienza di studenti stranieri e il potenziamento linguistico, ecc.

Inoltre, promuoviamo l’insegnamento CLIL, attività laboratoriali e progettuali in lingua straniera volte a potenziare negli studenti la competenza di cittadinanza ‘Agire in maniera autonoma e responsabile per favorire lo spirito di iniziativa e l’imprenditorialità’. Incoraggiamo dove possibile la formazione professionale all’estero e la partecipazione ai concorsi internazionali per progetti (ad esempio il LABEL).

Il progetto che coordina tutti i nostri contatti internazionali (ad esempio la rete delle nostre scuole partner all’estero) e che risponde al bisogno di gestire un’équipe di referenti protagonisti dei vari sottoprogetti avviati nell’ambito europeo, è il Progetto "Coordinamento dei Contatti Esteri". Questo progetto, che fa parte della tradizione della nostra scuola da circa 20 anni, promuove la collaborazione fra docenti e favorisce l’acquisizione delle competenze progettuali in chiave europea. Contribuisce allo sviluppo e al mantenimento dell’internazionalizzazione del nostro istituto e all’educazione alla cittadinanza europea e alla pace. Il referente del progetto stabilisce priorità, finalità, obiettivi e criteri assieme ad altri docenti e a diversi gruppi di lavoro (come la commissione scambi). E’ responsabile per la supervisione, il coordinamento e il monitoraggio degli scambi culturali e sostiene progetti mirati ad introdurre, attuare e promuovere la mobilità di studenti all’estero. Organizza, attraverso incontri e lavoro di commissione, un dialogo strutturato tra i vari soggetti coinvolti e in particolare con i docenti accompagnatori degli scambi.

Questi sottoprogetti e attività permettono di applicare le competenze che aprono dialogo interculturale tra le diverse nazionalità, esaltandone le peculiarità e le specificità, creando momenti di confronto più ampio, atto a stimolare nuove esperienze. Il rinnovamento delle idee amplia gli orizzonti culturali dei singoli, arricchisce le esperienze personali, potenzia la creatività e crea nuove opportunità a più livelli per entrambi gli studenti e i docenti.

PROGRAMMA DEI CONTATTI ESTERI A.S.2019/20.

 * Erasmus Plus è il programma varato nel 2013 dall’unione Europea per il periodo 2014-2020 che integra e sostituisce i precedenti diversi programmi EU nel settore dell’istruzione quali, tra gli altri, il Comenius (multilaterale e bilaterale). E’articolato in attività-chiave (dette key Actions), tra cui due interessano in particolare la mobilità a fini formativi di dirigenti, docenti e studenti delle scuole europee: KA 1 e KA 2.

ERASMUS PLUS anno scolastico 2018/2019

 

Informazioni aggiuntive