Dantedì

Lo scorso giovedì 25 marzo, in occasione del secondo Dantedì, la giornata istituita per celebrare Dante Alighieri e la sua opera, gli studenti del nostro liceo hanno partecipato con interesse ed entusiasmo alle diverse attività proposte loro. In particolare:


- la 1AL, la 1AS, la 1 BSA e la 3BL hanno riflettuto sul “limite” attraverso il canto XXVI dell’Inferno;
- la 1 CSA, dopo aver visto un breve video, ha considerato il carattere universale dell’esperienza del Sommo Poeta,      che si smarrisce in una selva e perde la “verace via”; 
-la 1LC ha confrontato il viaggio di Dante nell’Inferno, nel Purgatorio e nel Paradiso con quello di Odisseo e di Enea   negli Inferi;
-la 2BS ha analizzato l’incipit del poema dantesco e ha svolto un lavoro di gruppo;
-la 2C ha letto il sonetto Sonar bracchetti,e cacciatori aizzare e poi ha riflettuto sulla condizione in cui si trova Dante   in questa lirica, diviso fra il piacere della caccia e quello dell’amore;
-la 2LC, dopo aver preso in esame l’episodio di Paolo e Francesca contenuto nel V canto dell’Inferno, ha discusso       sugli stereotipi e sull’amor cortese;
-la 3A e la 4BL hanno creato un Padlet con cui hanno rivisitato i versi della Commedia alla luce dell’attuale                 pandemia;
-la 3B ha considerato la fortuna di Dante nel mondo slavo attraverso i versi di Majakovskij, di cui ha letto la lirica   All’amato se stesso;
-la 3BS, suddivisa in gruppi, ha realizzato un PowerPoint per illustrare i momenti più significativi dei canti XXI e XXII   dell’Inferno;
-la 3BSA ha ascoltato il V canto dell’Inferno letto da Benigni e ha riflettuto sull’attualità del poeta;
-la 3CSA, attraverso un lavoro di gruppo, ha individuato i tratti caratteristici del Dante uomo e scrittore e ha poi         analizzato alcune raffigurazioni di episodi e personaggi dell’Inferno;
-la 4A ha preso in esame le pagine di Se questo è un uomo in cui Primo Levi ricorda l’Ulisse dantesco;
-la 4BS, la 4CS e la 5BS si sono divertite a giocare con il lessico usato da Dante;
-la 4BS, 4BL, 5BS hanno visionato un breve percorso artistico dedicato a Paolo e Francesca e a Pia de Tolomei
-la 5C ha letto e commentato l’intervista al Presidente della Repubblica pubblicata sul Corriere della Sera in occasione delle celebrazioni dantesche.

A settecento anni dalla morte, questo poeta continua ad affascinare con i suoi versi, a far riflettere con le sue considerazioni sull’uomo e sulla società, a porsi come esempio di coerenza e fedeltà ai propri ideali. In questo periodo per noi così difficile e duro a causa della pandemia, la sua esperienza dell’esilio, che lo costringe a stare lontano dagli affetti e dalla sua città natale, lo rende ancora più vicino e attuale.

Con la Commedia Dante si rivolge all’uomo di ogni tempo, esortandolo ad alzare lo sguardo dalla sfera terrena e a volgerlo verso il cielo; armandoci del suo coraggio e animati dalla sua speranza in una società unita e rinnovata, ci auguriamo di uscire presto “a riveder le stelle” e ci diamo appuntamento al prossimo Dantedì!

Informazioni aggiuntive

Questo sito web fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per saperne di piu consulta la cookie policy nel footer del sito.

Per proseguire devi accettare i cookies da questo sito o modificare le impostazioni del tuo browser.

EU Cookie Directive Module Information